OPERAZIONI SOSTENIBILI CERTIFICATE

Garantire un basso impatto sul pianeta

BIOMASSA IN BUONE CONDIZIONI

Tutte le catture di krill sono segnalate alla CCAMLR (Commission of the Conservation of Antarctic Marine Living Resources) che gestisce e regola tutti gli ecosistemi marini antartici. CCAMLR pratica un approccio di gestione basato sull'ecosistema, piuttosto che una regolamentazione specifica per specie. La raccolta è consentita purché avvenga in modo sostenibile e non danneggi le altre componenti dell'ecosistema. Attualmente, la pesca commerciale del Krill nell'Oceano Antartico avviene principalmente nell'Area 48. La gestione della pesca è molto stabile, poiché è necessario il consenso di 25 nazioni per modificare le normative sulla pesca in Antartide. La cattura totale consentita di krill è fissata all'1% della biomassa. Insieme, l'intera industria pesca solo lo 0,5% della biomassa.

PRIMO FORNITORE DI KRILL CERTIFICATO MSC

Gli ingredienti che portano l’etichetta blu del Marine Stewardship Council (MSC) hanno dimostrato che provengono da una pesca che soddisfa i più severi standard di sostenibilità. Le attività di pesca e i produttori certificati MSC sono verificati da valutatori di terze parti indipendenti. La certificazione MSC garantisce che le risorse marine siano raccolte con metodi sostenibili e che tutti i prodotti siano tracciabili lungo tutta la filiera.

Nel 2020, Aker BioMarine ha ricevuto la sua terza certificazione consecutiva senza condizioni dal Marine Stewardship Council (MSC) per la sua pesca sostenibile di krill antartico a seguito di una valutazione indipendente. L’azienda è stata inizialmente certificata nel 2010, essendo la prima azienda di krill in assoluto a portare l’etichetta MSC. MSC è la più rinomata certificazione di sostenibilità disponibile. Ha ottenuto il punteggio più alto in un confronto tra gli schemi di certificazione della pesca di cattura avviati dal WWF, condotti in modo indipendente da Accenture nel 2012.

Scarica la certificazione

SOLO LA PESCA DI RIDUZIONE PER RICEVERE UN RATING «A»

La pesca del Krill antartico ha ricevuto per il sesto anno consecutivo una classifica "A" dal partenariato per la pesca sostenibile per avere una biomassa considerata in ottime condizioni. Oltre agli sforzi interni per garantire una pesca sostenibile, la pesca del Krill antartico è una delle attività di pesca regolamentate più forti al mondo. Tutte le catture di Krill sono segnalate alla CCAMLR (Commission of the Conservation of Antarctic Marine Living Resources) e rispetto ad altre attività di pesca in cui i limiti di cattura precauzionali sono fissati al 10% della biomassa, il totale consentito di catture di Krill antartico è fissato all'1% di la biomassa. Insieme, l'intera industria pesca solo lo 0,5% della biomassa nella sottozona 48, situata intorno alla Penisola Antartica, alle Isole Orcadi e alla Georgia del Sud. La gestione della pesca è molto stabile, poiché per modificare il regolamento è necessario il consenso di 28 nazioni.

ECO-RACCOLTA

In Aker BioMarine siamo conosciuti per la nostra tecnologia proprietaria Eco-Harvesting, che riduce al minimo le catture accessorie.

La tecnologia Eco-Harvesting utilizza un sistema a strascico continuo a mezz’acqua protetto da una rete a maglia fine, che impedisce l’ingresso di qualsiasi cosa più grande del krill. Le telecamere subacquee controllano il sistema. Invece di sollevare una rete da traino per portare il pescato a bordo, un tubo convogliatore è fissato all’estremità della rete, che rimane sott’acqua per l’intera operazione. Un flusso d’acqua continuo scorre attraverso il tubo, portando il Krill vivo direttamente nella nave, riducendo al minimo le catture accessorie.