IL POTERE DEL PICCOLO KRILL

Il krill è una delle biomasse più grandi del nostro pianeta. Questo minuscolo crostaceo, presente in tutti gli oceani, occupa una posizione vitale nella catena alimentare marina. Attraverso milioni di anni di evoluzione, i componenti e le molecole bioattive del krill hanno sostenuto le diverse specie della Natura.

Per il rapporto SFP completo, leggi qui.

SOSTENIBILE E TRASPARENTE

La pesca del Krill antartico è una delle attività di pesca più sostenibili al mondo. È anche degno di nota per le catture accessorie minime, le operazioni completamente trasparenti e la certificazione del Marine Stewardship Council (MSC), lo standard più alto per la pesca sostenibile. Per sei anni consecutivi, la pesca del krill ha ricevuto una valutazione "A" dal partenariato per la pesca sostenibile come l'unica pesca di riduzione al mondo con una biomassa classificata "in ottime condizioni".

UN INTEGRATORE ALIMENTARE UNICO

COS'È L'OLIO DI KRILL? L'olio di Superba Krill™ viene estratto dalla specie di krill antartico Euphausia Superba. I Krill sono piccoli crostacei simili a gamberetti ricchi di acidi grassi omega-3 a catena lunga (EPA e DHA) che promuovono la salute, fosfolipidi, colina e astaxantina.

QUESTO E' IL KRILL

  • I krill sono piccoli crostacei dell’ordine Euphausiacea e si trovano in tutti gli oceani del mondo. Il nome krill deriva dalla parola norvegese krill, che significa “piccolo avannotto di pesce”, spesso attribuito anche a specie di pesci.
  • Il krill è considerato un importante collegamento a livello trofico – vicino al fondo della catena alimentare – perché si nutre di fitoplancton e (in misura minore) zooplancton, convertendoli in una forma adatta a molti animali più grandi per i quali il krill costituisce la maggior parte delle la loro dieta.
  • Nell’Oceano Antartico, una specie, il krill antartico, Euphausia superba, costituisce una biomassa stimata di circa 379.000.000 di tonnellate, rendendola tra le specie con la più grande biomassa totale.
  • Di questi, oltre la metà viene mangiata ogni anno da balene, foche, pinguini, calamari e pesci, e viene sostituita dalla crescita e dalla riproduzione. La maggior parte delle specie di krill mostra grandi migrazioni verticali giornaliere, fornendo così cibo ai predatori vicino alla superficie di notte e nelle acque più profonde durante il giorno.